Trend sociali

Facebook vs Salute

Martina Cogliati

Facebook nuoce gravemente alla salute. Questa affermazione può sembrare esagerata, ma alcune indagini confermano il contrario. Facebook può causare dei danni alla salute dei suoi utenti. Abbiamo chiesto a Enrico Verga, Senior Strategy Analyst, alcune delucidazioni in merito. Vediamo insieme cos’è emerso.

“Facebook è come un pacchetto di sigarette e i suoi effetti sono come quelli del fumo attivo e passivo”

Facebook come un pacchetto di sigarette

Per comprendere il paragone è importante capire la logica di business su cui Facebook è costruito. Il giovane Zuckerberg voleva solo connettere le persone e creare infinite comunità superando le barriere geografiche? No. Facebook è costruito su una logica che produce denaro tenendo le persone incollate per tanto tempo allo schermo di un pc o smartphone. Un post non ha mai ucciso nessuno. I suoi effetti indiretti però si possono avvertire, eccome.

Un algoritmo dai potenti effetti

Come tenere allora le persone incollate a Facebook? Grazie ad aggiornamenti di status, la possibilità di etichettare le foto, mettere i like., ecc.Per continuare a far crescere la base di utenti e catturare il loro tempo e la loro attenzione, Facebook necessitava di più. Le aziende del tabacco hanno aggiunto ammoniaca alle sigarette, per aumentare la velocità con la quale la nicotina arrivava al cervello. Facebook ha iniziato a far circolare contenuti esaltanti, di grande impatto, distribuendoli alla persona giusta nel momento giusto. Sono i cosiddetti contenuti rilevanti.

Per approfondire la logica dell’algoritmo di Facebook, clicca qui

Cosa provoca l'abuso di Facebook sugli utenti

Enrico Verga ci spiega quali sono i rischi più rilevanti dei social network e di Facebook in particolare sulla nostra salute:

  1. Errata percezione del mondo: Facebook è la piattaforma dei trionfi.  Sembra che la vita degli altri sia sempre più serena e interessante della nostra.
  2. Problemi d’attenzione e comprensione: decrescita di capacità di memoria e facile perdita di concentrazione su un lavoro, perché ci facciamo distrarre dalle notifiche di Facebook.
  3. Problemi mentali o fisici: stress, solitudine, dipendenza mentale dai social network.
  4. Relazioni sociali: ridotte e per la maggior parte virtuali con una modifica delle dinamiche di comunicazione.
  5. Impatti sulle future generazioni: Incremento di fenomeni come il bullismo che diventa cyberbullismo e dell’autolesionismo che sfocia nel suicidio nei casi più gravi.

Un uso più responsabile di Facebook per rimanere in salute

Indipendentemente che si decida di usare Facebook in modo attivo o passivo, è necessario farlo nei limiti della tutela della propria salute. Ancora una volta la sfida non è una scelta netta fra l’uso o il rifiuto dei social network, ma una gestione equilibrata del rapporto che si ha con essi. In fin dei conti Facebook siamo noi. Gli utenti che ne danno corpo, siamo noi.

Martina Cogliati

Content Creator

Content creator, appassionata di libri di crescita personale, scrittura creativa e yoga. Il digitale è la mia nuova sfida. Amo filosofare di tutto ciò che mi circonda, possibilmente davanti al mare.

70 7 39

Inserisci un commento